Crea sito

Riccardo Accordino esce con il nuovo singolo “Austerity” (feat. Silvia De Luca)

Riccardo Accordino presenta “Austerity” (Feat. Silvia De Luca), il secondo singolo estratto dal nuovo EP “Mi guardi” (Etichetta: SanLucaSound). Attraverso i sapienti arrangiamenti di Renato Droghetti, Riccardo Accordino racconta le sue storie, tutte diverse, con tagli ironici, romantici o drammatici, mostrandosi poliedrico nelle sue scelte musicali. Il singolo “mi guardi” racconta per immagini una storia d’amore semplice, come tutte dovrebbero essere, fatta di gesti di intesa e momenti di complicità. Negli altri brani troviamo storie diverse fra loro, legate in parte al momento storico difficile e alla vita stessa dell’artista.

Riccardo Accordino nasce a Messina il 17/12/1985. Già nell’infanzia coltiva la passione per la scrittura creativa, puntando prevalentemente sulla poesia e sul cantato. A 16 anni prende per la seconda volta in mano la chitarra di suo padre, una vecchia acustica folk degli anni 60. Da lì comincia a scrivere senza fermarsi e si dedica allo studio da autodidatta di chitarra e basso elettrico. Il pezzo “100 giorni”, contenuto nel suo album d’esordio, è il primissimo scritto. Nel 2019 pubblica su Kindle “Frammenti di scrittura creativa” , una raccolta di brevi componimenti unici nel loro genere. Non si tratta infatti né di racconti né do aforismi, ma di immagini a metà fra la poesia e la prosa. Nel 2016, dopo anni di fermo, ricomincia a suonare anche live e si avvicina sempre più al cantautorato. Attraverso la sua insegnante di canto Simona Rae arriva a conoscere la casa discografica Bolognese SanLucaSound di Manuel Auteri e a partire da maggio 2019 nasce la collaborazione che lo porta alla produzione e pubblicazione del suo primo EP dal titolo “Mi guardi”.

“Austerity” (Feat. Silvia De Luca) racconta la “strana povertà” degli anni post crisi, il mito dei due cuori una capanna.

-“Impalpabile” è la storia di un angelo fatta donna, leggera e forte. Con la partecipazione di Silvia De Luca.

-“Le mie libertà” descrive la generazione in trappola fra il precariato e l’illusione di sentirsi davvero autori delle proprie scelte.

– “Bisturi” è la storia di una donna che non riesce ad accettarsi, vista dagli occhi del compagno.

– “100 giorni” è la scansonatezza della adolescenza che prende una chitarra e racconta il primo amore di un giovane musicista.