Boris Skalsky con il nuovo brano Procession

Quando sono stato incaricato dalla Società Scientifica di Shevchenko e dall’Accademia delle Arti e delle Scienze ucraine di scrivere un’opera in onore del 200° anniversario del poeta ucraino Taras Schevchenko, l’ho usata anche per rendere omaggio alla “Rivoluzione Maidan” ucraina del 2014. Il quartetto di violoncelli risultante aveva quattro movimenti e questa è una registrazione dal vivo della prima esibizione del 2016.

Quando ho scritto il pezzo, non avrei mai immaginato che la rivoluzione a cui stavo rendendo omaggio fosse solo un preludio agli orrori a cui tutti stiamo assistendo oggi.

Ora penso a tutti i miei amici e alla mia famiglia in Ucraina e a tutte le persone innocenti le cui vite sono state devastate dalla guerra. Ma so anche che l’Ucraina è forte, che vincerà e che oggi è un giorno più vicino alla vittoria. Continuano a ispirare la mia musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.