“PURA COME UNA BESTEMMIA” l’album di ROSSELLA SENO

L’album “PURA COME UNA BESTEMMIA” nei negozi e sulle piattaforme e store dal 3 aprile, è un disco che vuole cercare di scuotere “anime e coscienze”, raccontando d’immigrazione, di violenza sui più fragili, del poco rispetto per l’ambiente e la Terra che abitiamo, della disuguaglianza in ogni sua forma, dell’indifferenza sviluppata nel corso degli anni verso il prossimo o, peggio, la non accettazione del “diverso”.
I brani sono firmati da importanti nomi: Massimo Germini (storico e straordinario chitarrista di Roberto Vecchioni), Pino Pavone (che firmò gran parte della discografia di Piero Ciampi), Piero Pintucci (firma delle più toccanti canzoni di Renato Zero), Michele Caccamo (poeta tradotto in cinque lingue e considerato nei Paesi Arabi il “Poeta della fratellanza”), Matteo PassanteLino Rufo che ha musicato un testo di Sanguineti, Federico Sirianni, il cui brano è preceduto da una poesia di Erri De Luca. Con il brano “Luna su di me”, scritto da Germini e Fiorucci, parte dei proventi andrà ad Animals Asia, per la protezione e il salvataggio degli orsi tibetani. Un progetto realizzato per mettere a conoscenza della crudeltà che l’uomo può esercitare su altri esseri senzienti, in questo caso gli orsi della luna.
Questa la tracklist dell’album e relativi autori: “Mare nostro” (Erri De Luca), “Ascoltami o Signore” (Federico Sirianni), “Principessa” (P.Pavone-M.Germini), “La ballata delle donne” (E.Sanguineti- L.Rufo), “Gli occhi di Stefano” (M.Caccamo-P.Pintucci), “La città è caduta” (P.Pavone-M.Germini), “Luna su di me” (P.Fiorucci-M.Germini), “La chiamano strega” (M.Caccamo-M.Germini), “Io che quando posso” (M.Passante-M.Germini), “Remi e ali” (M.Passante-M.Germini), “Lasciatemi stare” (M.Caccamo-M.Germini), “Sei l’ultimo” (M.Passantte-M.Germini) e “Puri come una bestemmia” (F. Sirianni).
A proposito della copertina del disco, Rossella Seno afferma: «La donna in croce è un simbolo. Non rappresenta solo la donna, così maltrattata, ma l’essere umano e la Natura stessa, ecco perché la croce piantata in un mare di rifiuti, sacrificati nel nome del dio denaro, del potere».

Il 3 aprile esce Pura Come Una Bestemmia , cosa ci possiamo nell’ ascolto del tuo disco ? Quali temi e sonorità è possibile ascoltare ? “

Io non canto per cantare, ma perché la chitarra ha sentimento e ragione” diceva Victor Jara .. Da molto porto in scena gli ultimi, dando voce a chi non ne ha, a quelli che, per scelta o costrizione, stanno al di là della vetrina. Canto di immigrazione, di violenza sui più fragili, del poco rispetto che abbiamo per l’ambiente e la Terra che abitiamo, della disuguaglianza in ogni sua forma, dell’indifferenza sviluppata nel corso degli anni verso il prossimo e ,peggio, la non accettazione del “diverso”, degli anni che ti “saltano addosso” tuo malgrado, in una società che ti vuole giovane e bella. Sonorità acustiche. E’ un disco “vero”, “sincero”. Massimo Germini, autore di gran parte delle musiche dell’album nonché arrangiatore dello stesso, ha saputo cogliere perfettamente ciò che volevo trasmettere, così come gli autori dei testi, ai quali va la mia immensa gratitudine.

I brani di questo disco sono firmati da importanti nomi , come è stato collaborare con cosi tanti artisti ?

Decisamente gratificante. C’è stata collaborazione, intesa, da subito ed hanno saputo tradurre in parole e musica esattamente ciò che volevo dire. C’è un filo conduttore che lega un brano all’altro. 7

Luna su di me è un brano scritto da Germini e Fiorucci cui parte dei proventi andra ad Animal Asia progetto che si occupa della salvaguardia degli orsi tibetani ? Cosa pensi di questa iniziativa e di cosa tratta più precisamente ?

Tempo fa venni contattata da un giovane cantautore, Paolo Fiorucci, che essendo a conoscenza del mio credo animalista mi propose di partecipare ad un progetto discografico corale in favore della tutela e della salvezza dell’orso marsicano, “Il cielo degli orsi” Sulla musica di Massimo Germini scrisse il testo di “Luna su di me”. Ignoravo dell’esistenza delle fattorie della bile, nome comunemente dato agli allevamenti intensivi di orsi tibetani, detti anche orsi della luna per via della macchia bianca sul collo a forma appunto di luna, nel sud est asiatico. Tali animali vengono rinchiusi in strettissime gabbie allo scopo di estrarre loro e con metodi cruenti la bile, considerato elemento prezioso nella tradizionale medicina cinese. Contattai Animals Asia, organizzazione benefica che cerca di porre fine alla crudeltà verso gli animali in Asia, decidendo di donare loro i proventi della canzone. Affidando a suo tempo a terzi il progetto non so quanto effettivamente sia andato in denaro all’organizzazione.

Dopo l’ uscita di questo album quali sono i tuoi progetti futuri ?

Riprendere i live. Ho affidato la scrittura del testo teatrale di presentazione del disco a Federico Sirianni. Speriamo di poter tornare presto alla vita di sempre.

Cosa vorresti dire a tutte le persone che ti seguono ed ai tuoi carissimi fan ?

Un saluto ed un caloroso invito ad ascoltare il nuovo disco , di unirci nelle battaglie. C’è così tanto da fare.

Precedente NAPO con "Supereroe" la nuova vita artistica di Luca Napolitano Successivo DANIELE BABBINI DAL 2 APRILE IN ANTEPRIMA SU SPOTIFY “VIVERE A RATE” IL NUOVO SINGOLO